Chromapolis Ico – Initial Coin Offer

Chromapolis

Panoramica di Chromapolis ICO

Chromapolis ICO e la vendita di token stanno raccogliendo fondi per lanciare una piattaforma di sviluppo decentralizzata e un protocollo completo. In quanto framework di sviluppo a stack completo, Chromapolis fornisce agli sviluppatori tutti i livelli necessari per creare applicazioni complete, integrando la flessibilità dei database relazionali con la tecnologia di ledger distribuito.

Chromapolis è sviluppato da ChromaWay, una società svedese di blockchain che è stata fortemente coinvolta nel settore dal 2014. Esiste una relazione indiretta, ma notevole, tra ChromaWay e lo sviluppo di una moneta elettronica da parte della Banca nazionale svedese.

Proposta di valore di Chromapolis ICO

Gli utenti di reti distribuite esistenti come Ethereum devono pagare per ogni interazione che si verifica su una determinata dApp, in proporzione alle risorse richieste per ogni transazione. Ciò si traduce in un precedente in cui le dApp non possono sperimentare modelli alternativi per la gestione di dati e risorse computazionali.

Un esempio è il modello “freemium”, che le dApp create su Ethereum non possono sfruttare. Chromapolis affronta questo problema attraverso l’introduzione di un nuovo modello, delegando la gestione delle risorse al livello delle singole dApp. Le tariffe raccolte per mantenere i nodi che ospitano le dApp vengono pagate dai fornitori di dApp e non dagli utenti finali.

La latitudine offerta attraverso la gestione delle risorse di elaborazione e archiviazione a livello di singola applicazione dApp apre una varietà di modelli tariffari che non sono possibili su altre reti blockchain.

Oltre allo scopo di espandere le possibilità di sviluppo di dApp, Chromapolis utilizza una blockchain relazionale in combinazione con un protocollo di consenso hyprid e innovative funzionalità orientate agli sviluppatori per migliorare l’esperienza degli utenti e degli sviluppatori di dApp. Il modello relazionale della blockchain consente di memorizzare dati e stato dell’applicazione in un database relazionale.

Ogni dApp all’interno dell’ecosistema Chromaplis possiede una propria sidechain, che facilita il ridimensionamento orizzontale consentendo nel contempo alle applicazioni di esistere in modo isolato e, quindi, di operare in modo tale da non influire sulle altre dApp in esecuzione in parallelo. Le dApp che richiedono più thread di esecuzione possono utilizzare lo sharding per includere ulteriori sidechain.

I token Chroma forniscono il meccanismo di incentivazione all’interno dell’ecosistema di Chromapolis. I nodi devono scommettere una certa quantità di token Chroma per partecipare alla rete. L’approccio unico che Chromapolis porta verso l’economia simbolica dell’ecosistema significa che sono in gran parte i fornitori di dApp stessi che premiano i nodi per la partecipazione. dApps che implementano token nativi hanno la possibilità di eseguire il backup dei loro token con Chroma, per aumentare la liquidità e consentire un più facile scambio di valore tra altre dApp all’interno dell’ecosistema.

Chromapolis ICO Team

Henrik Hjelte (CEO) è CEO e co-fondatore della società madre Chromaway , sviluppando soluzioni avanzate di blockchain per clienti nei settori finanziario e governativo. Insieme ai suoi co-fondatori, è stato responsabile nel 2012 della creazione di ColoredCoins , un modo pioneristico di utilizzare l’infrastruttura Bitcoin per trasferire qualsiasi bene che detiene valore, inclusi oro, proprietà e proprietà.  O Perelman (COO) ha una vasta esperienza nel criptospazio, a partire dal 2011 quando ha co-fondato e sviluppato Safebit

, un portafoglio multi-catena e piattaforma collaborativa per la gestione patrimoniale crittografica. O ha continuato a co-found ColoredCoins, e ha anche svolto un breve periodo come CMO con bitBlu, un’app di portafoglio crittografica. Ha ripreso il suo lavoro con i suoi partner a Chromaway nel 2013, servendo come COO fino ad oggi.

Alex Mizrahi (CTO) ha decenni di esperienza come sviluppatore full stack. Dal 2000 al 2012, Alex ha lavorato come sviluppatore di software su una miriade di progetti in settori come la grafica 3D, l’apprendimento automatico e il software mobile. Nel 2012, si unì a Henrik e Or per sviluppare ColoredCoins e passò alla co-fondatore di Chromaway, dove ora è CTO.

Punti forti e opportunità di Icom di Chromapolis

Chromapolis introduce database relazionali in blockchain per affrontare le strutture dati sempre più complesse delle applicazioni decentralizzate. Un modello relazionale consente inoltre a Chromapolis di sfruttare la potenza dei sistemi di gestione dei database SQL, un meccanismo di base per la gestione dei dati con una storia di utilizzo comprovato. La sofisticata pianificazione delle query, le strutture avanzate dei dati e le funzionalità di memorizzazione nella cache consentono query di codice accelerate.

Poiché i database relazionali sono una componente comune nell’ingegneria del software, la familiarità dovrebbe, in teoria, facilitare la transizione per gli sviluppatori che lavorano su applicazioni decentralizzate. I problemi di prestazioni delle singole istanze di query sono isolati ai sidechain di dApp, quindi le query lente non influiscono sull’intera rete.

Con Chromapolis, gli utenti pagano le tasse indirettamente e sono quindi risparmiati il modello pay-per-transazione che è quasi universale nello spazio blockchain. In alternativa, le dApp create con Chromapolis pagano i pagamenti diretti ai noderi su base giornaliera, a seconda della quantità di risorse computazionali e del volume di dati consumati dagli utenti.

Questa struttura sblocca una varietà di opzioni per gli sviluppatori di dApp stessi che implementano metodi di pagamento più user-friendly, ad esempio attraverso un modello di sottoscrizione, un’offerta di freemium con acquisti in-app o altre strutture specificamente adattate agli scenari di gioco.

Tale flessibilità presenta una funzione interessante per sviluppatori e utenti, in quanto le dApp create su Chromapolis possono offrire modelli di pagamento che sono più familiari al consumatore medio.

Punti deboli e minacce di Chromapolis ICO

Chromapolis è posizionata come piattaforma general purpose adatta alla maggior parte dei tipi di dApp, in particolare i casi che richiedono la capacità di gestire set di dati complessi e di volume elevato. Il gioco è un caso d’uso particolare in cui la capacità di gestire set di dati complessi apre la possibilità di ospitare interi giochi sulla rete Chromapolis. L’esempio spesso ripetuto di Crypto Kitties serve ancora a dimostrare l’attuale impraticabilità dell’hosting dei giochi sulla blockchain.

Per dimostrare la vera capacità di Chromapolis nella gestione di complessi insiemi di dati, la strategia go-to-market del progetto si rivolgerà inizialmente ai giochi blockchain. Chromapolis ha in programma di sviluppare un gioco online multiplayer di massa come modo per mostrare l’ampia gamma di possibilità offerte dalla piattaforma.

Come piattaforma di sviluppo con una così ampia varietà di possibili scenari di casi di utilizzo iniziale, una strategia GTM basata sul gioco potrebbe vendere il progetto a breve non riuscendo a raggiungere un pubblico abbastanza ampio di consumatori e sviluppatori.

Una competizione dApp o una strategia simile che sfrutta l’immensa creatività della comunità di sviluppatori potrebbe fornire un percorso molto più ampio verso la presentazione simultanea di un’ampia varietà di scenari di casi d’uso per Chromapolis, specialmente considerando la portata e la forza della società ChromaWay.

Il verdetto sull’Ico di Chromapolis

L’ICO di Chromapolis offre un nuovo approccio allo sviluppo di dApp che risolve le carenze presenti in molte attuali reti di blockchain.

Mentre ancora in una fase iniziale, l’ICO di Chromapolis possiede indicatori che puntano a un progetto solido, supportato da un team con una vasta esperienza nello sviluppo di prodotti blockchain. Con la precedente esperienza nell’implementazione di blockchain in settori come la finanza, l’attuale strategia di go-to-marketing incentrata sui giochi potrebbe non rappresentare la via più avvincente verso l’adozione.

Detto questo, in una fase così precoce, c’è ampio spazio per il riposizionamento, se necessario.

Informazioni aggiuntive

Abbiamo discusso con il team ICO di Chromapolis e le nostre valutazioni si basano su conversazioni e informazioni che ci hanno chiesto di mantenere riservate. Dovremmo anche spiegare che il progetto non sta attivamente commercializzando in questo momento, quindi non possiamo condividere un sito web o altri materiali . Tieni presente che la nostra revisione prende in considerazione i dati dei token che sono stati condivisi con noi, ma ci è stato specificamente richiesto di non condividere le metriche dei token che abbiamo visto a questo punto. Le condivideremo non appena saranno rese disponibili dal team.

Mi farebbe piacere se tu lasciassi un commento!