ICO Initial Coin Offer cosa sono e come funzionano

ICO Initial Coin Offer

Ico Initial Coin Offer cerchiamo di dare una definizione, la piu esustiva possibile, per le aziende tradizionali, ci sono alcuni modi per raccogliere fondi necessari per lo sviluppo e l’espansione. Una società può iniziare in piccolo e crescere man mano che i suoi profitti lo consentono, rimanendo in possesso solo dei proprietari delle società, ma dovendo aspettare che i fondi si accumulino.

In alternativa, le aziende possono rivolgersi a investitori esterni per un supporto tempestivo, fornendo loro un rapido afflusso di denaro, ma in genere arrivano con il compromesso di cedere una parte della quota di proprietà. Un altro metodo prevede che le aziende diventino pubbliche, guadagnando fondi dai singoli investitori vendendo azioni attraverso un’offerta pubblica iniziale (IPO).

Un’offerta iniziale di monete (Ico) è l’ equivalente approssimativo di una IPO nel mondo dell’investimento tradizionale.

Le ICO fungono da raccolte di fondi di sorta; un’azienda che cerca di creare una nuova moneta, un’app o un servizio lancia un Ico. Successivamente, gli investitori interessati acquistano l’offerta, sia con valuta fiat o con gettoni digitali preesistenti come l’etere. In cambio del loro supporto, gli investitori ricevono un nuovo token di criptovaluta specifico per l’ ICO.

Gli investitori sperano che il token funzioni eccezionalmente bene nel futuro, fornendo loro un ritorno sull’investimento. La società che detiene l’ ICO utilizza i fondi degli investitori come mezzo per promuovere i propri obiettivi, lanciare il suo prodotto o avviare la sua moneta digitale.

Le ICO vengono utilizzate dalle startup per aggirare il rigoroso e regolamentato processo di raccolta di capitali richiesto dai venture capital o dalle banche.

ROTTURA OFFERTA Moneta Iniziale (Ico)

Questa è la definizione più basilare di un ICO. Tuttavia, c’è molto di più nel metodo di crowdfunding. In effetti, proprio come le I.C.O. hanno rapidamente dominato l’attenzione nelle industrie di criptovaluta e blockchain, così hanno portato con sé sfide, rischi e opportunità impreviste.

Gli investitori acquistano una I.C.O. nella speranza di rendimenti rapidi e potenti sui loro investimenti.

Le I.C.O. di maggior successo negli ultimi anni danno agli investitori un motivo per mantenere questa speranza, poiché hanno davvero enormi ritorni. Tuttavia, questo entusiasmo degli investitori porta anche le persone fuori strada. Poiché sono in gran parte non regolamentate, le I.C.O. sono diventati un centro di frodi e artisti della truffa, in cerca di investitori che sono troppo zelanti e sottovalutati.

Di seguito, esploreremo i dettagli delle I.C.O., partendo da una panoramica completa del processo stesso. Esamineremo alcuni dei benefici degli I.C.O., nonché alcune delle I.C.O. di maggior successo nella storia e in cui gli investitori possono andare a cercare nuove I.C.O. in cui prendere parte. Infine, daremo un’occhiata ai rischi che gli investitori assumono quando partecipano, oltre alle critiche sullo spazio dell’ I.C.O.

Le basi di un I.C.O.

Quando una startup startup di criptovalute vuole raccogliere fondi tramite una Initial Coin Offering (I.C.O.), di solito crea un piano su un whitepaper che stabilisce di cosa si tratta il progetto, quali necessità il progetto soddisferà al completamento, quanti soldi ci sono necessario per intraprendere l’impresa, quanti dei token virtuali i pionieri del progetto manterranno per sé, quale tipo di denaro sarà accettato e per quanto tempo durerà la campagna I.C.O.. Durante la campagna I.C.O., gli appassionati e i sostenitori dell’iniziativa aziendale acquistano alcune delle crittografie distribuite con fiato valuta virtuale. Queste monete sono indicate come gettoni e sono simili alle azioni di una società venduta agli investitori in una transazione di tipo IPO. Se il denaro raccolto non soddisfa i fondi minimi richiesti dall’azienda, il denaro viene restituito ai sostenitori e l’ICO è considerato non riuscito. Se i requisiti di fondi sono soddisfatti entro il periodo di tempo specificato, il denaro raccolto viene utilizzato per avviare il nuovo schema o per completarlo.

Le ICO sono simili alle IPO e raccolta di fondi

Come le IPO, una quota della startup o della compagnia viene venduta per raccogliere fondi per le operazioni dell’entità durante un’operazione ICO. Tuttavia, mentre le IPO si occupano di investitori, gli ICO si occupano di sostenitori desiderosi di investire in un nuovo progetto proprio come un evento di crowdfunding. Ma le Ico differiscono dal crowdfunding in quanto i sostenitori del primo sono motivati da un ritorno potenziale nei loro investimenti, mentre i fondi raccolti in quest’ultima campagna sono sostanzialmente donazioni. Per questi motivi, gli ICO sono indicati come “crowdsales”.
Gli ICO conservano anche almeno tre importanti differenze strutturali dalle IPO. Primo, le Ico sono decentralizzate, senza una singola autorità che le governa. In secondo luogo, gli ICO sono in gran parte non regolamentati, il che significa che le organizzazioni governative come la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti non le controllano. Infine, a causa del decentramento e della mancanza di regolamentazione, gli ICO sono molto più liberi in termini di struttura rispetto alle IPO.

Gli I.C.O. possono essere strutturati in vari modi. In alcuni casi, una società stabilisce un obiettivo o un limite specifo I.C.O. per il suo finanziamento, il che significa che ciascun token venduto nell’I.C.O. ha un prezzo prestabilito e che l’offerta totale di token è statica. In altri casi, vi è una fornitura statica di token I.C.O., ma un obiettivo di finanziamento dinamI.C.O., il che significa che la distribuzione di token agli investitori dipenderà dai fondi ricevuti (e che più fondi totali riceveranno nell’ I.C.O., più alto sarà il totale prezzo del gettone). Ancora altre I.C.O. hanno un’offerta di token dinamI.C.O. che viene determinata in base all’ammontare dei finanziamenti ricevuti. In questi casi, il prezzo di un token è stato I.C.O., ma non c’è limite al numero di token totali, salvo per parametri come la lunghezza I.C.O.. Di seguito sono illustrati questi diversi tipi di I.C.O.:

Vantaggi delle ICO: cosa c’è in esso per l’investitore?

In una IPO, un investitore riceve azioni di una società in cambio del suo investimento. Nel caso di un I.C.O., non ci sono azioni di cui parlare. Invece, le aziende che raccolgono fondi tramite I.C.O. forniscono una blockchain equivalente a una quota: un token criptovaluta. Nella maggior parte dei casi, gli investitori pagano in un gettone già esistente come bitcoin o etere e ricevono in cambio un numero commisurato di nuovi token.

Vale la pena notare quanto sia facile per un’azienda lanciare un ICO per creare token. Esistono servizi online come Token Factory che consentono la generazione di token criptovaluta in pochi secondi. Gli investitori dovrebbero tenerlo a mente quando si ricordano le differenze tra una quota di azioni e un token; un token non ha alcun valore intrinseco. I manager ICO generano token secondo i termini dell’ ICO, li ricevono e quindi li distribuiscono secondo il loro piano trasferendolo ai singoli investitori.

I primi investitori in un’operazione di ICO sono solitamente motivati ad acquistare criptovalute nella speranza che il piano abbia successo dopo il lancio. Se questo dovesse accadere, il valore dei token acquistate durante l’ ICO salirà al di sopra del prezzo fissato durante l’ ICO stesso, e conseguirà un guadagno complessivo. Questo è il principale vantaggio di un ICO: il potenziale per incredibili ritorni.

In effetti, le I.C.O. hanno trasformato molti investitori in milionari. Dai un’occhiata ai dati per il 2017: quell’anno ci sono stati 435 I.C.O. di successo, ognuno con una media di 12,7 milioni di dollari … l’importo totale raccolto per il 2017 è stato di 5,6 miliardi di dollari, con i 10 progetti più grandi che hanno raccolto il 25% di questo totale. Inoltre, i token acquistati negli I.C.O. hanno restituito una media di 12,8 volte l’investimento iniziale in termini di dollari.

Il mondo delle I.C.O. continua a gonfiarsi a un ritmo incredibile. Nel primo trimestre del 2018, le I.C.O. hanno raccolto $ 6,3 miliardi di fondi, superando già l’intero totale del 2017 in appena il 59% di numerosi progetti I.C.O.

ICO di maggior successo

Man mano che il mondo delle ICO diventa sempre più grande. Quando si valutano le ICO in base alle dimensioni, si può considerare sia l’ammontare di denaro raccolto dalle ICO sia il ritorno sull’investimento. A volte le ICO con un notevole ritorno sull’investimento non sono tra i progetti con i più alti guadagni, e viceversa.

L’ ICO di Ethereum nel 2014 è stato un pioniere iniziale, raccogliendo $ 18 milioni in un periodo di 42 giorni. Ethereum ha dimostrato di essere cruciale per lo spazio delle ICO in generale, grazie alle sue innovazioni per quanto riguarda le app decentralizzate (DApps). Quando ha debuttato, l’etere ha un prezzo di circa $ 0,30; a partire dal 24 luglio 2018, si scambia a $ 474,62, segnando guadagni di quasi 1,600x.

Nel 2015 è stata avviata una ICO bifase per la società Antshares, che in seguito è stata rinominata come NEO. La prima fase dell’ I.C.O. si è conclusa nell’ottobre 2015 e la seconda ha proseguito fino a settembre 2016. Durante questo periodo, NEO ha guadagnato circa $ 4,5 milioni. Anche se non è uno delle più grandi I.C.O. in termini di denaro raccolto, ha fornito un ROI eccezionale per molti investitori. Il prezzo di NEO al momento della I.C.O. era di circa 3 centesimi, e al suo apice è stato scambiato a circa $ 50, segnando un aumento del prezzo di circa il 150.000%.

Più recentemente, le I.C.O. hanno generato importi significativamente maggiori in termini di fondi totali raccolti. La più grande I.C.O. di questa metrica è il filecoin, un progetto di cloud storage decentralizzato. Durante un mese di I.C.O. che termina a settembre del 2017, il filecoin è riuscito a raccogliere circa $ 257 milioni.

Come trovare le ICO

Gli investitori che intendono acquistare le I.C.O. dovrebbero prima familiarizzare con il mondo criptovaluta in modo più ampio. Nel caso della maggior parte delle I.C.O., gli investitori devono acquistare token con criptovalute preesistenti; ciò significa che un investitore in I.C.O. dovrà già disporre di un portafoglio di criptovaluta configurato e di alcune aziende di token digitali. Di seguito, illustreremo i passaggi necessari per investire in una I.C.O. basato sul modello KIN, una valuta digitale esistente. I passaggi possono essere diversi, tuttavia, a seconda del tipo di I.C.O..

1) Registrati a Coinbase o ad un’altra valuta digitale. Ci sono centinaia di diversi scambi e portafogli, quindi hai una moltitudine di opzioni qui.

2) Fai scorta della valuta che ti servirà per acquistare l’ ICO.

3) Trasferisci le tue partecipazioni in un portafoglio digitale che le supporta. La cosa più importante in questo caso è assicurarsi che il tuo portafoglio mantenga la criptovaluta compatibile con l’ ICO (vale a dire se l’ ICO richiede pagamenti in etere, il tuo portafoglio deve contenere etere).

4) Assicurati di avere la pagina ufficiale per l’ ICO stesso. Leggi il whitepaper, i termini dell’ ICO e qualsiasi altra informazione che puoi. Quando sei pronto per iniziare, cerca i pulsanti per “inserire la vendita di token” o “partecipa subito”.

5) Registrati per l’ ICO. Per fare ciò, dovrai fornire l’indirizzo del tuo portafogli pubblico e altre informazioni secondo il sito I.C.O..

6) Il giorno del lancio, seguire le istruzioni del sito per l’acquisto in ICO.. Nella maggior parte dei casi, ciò comporterà il trasferimento di etere dal tuo portafoglio all’indirizzo pubblico  della I.C.O.. In cambio, riceverai parte della criptovaluta della I.C.O. a una tariffa specificata dai termini dell’offerta. Assicurati di tenere presente che ci sono piccole commissioni associate al trasferimento di criptovalute come l’etere, quindi dovrai tenere un po ‘del token originale in riserva per coprire questi costi.

7) L’ I.C.O. invierà il nuovo token al tuo portafoglio criptovaluta. A seconda del portafoglio, potrebbe essere necessario aggiungere il token al portafoglio stesso in modo da poter inviare e ricevere trasferimenti.

8) Tieni il nuovo token o scambialo per USD o altre valute digitali. La società che ha fornito l’ I.C.O. può offrire un servizio che consente di trasferire il token alla precedente criptovaluta o potrebbe essere necessario passare a un’altra valuta digitale per effettuare il trasferimento. In alcuni casi, potrebbe essere necessario tenere il token fino a quando non viene elencato in una borsa a cui è possibile accedere in base alla propria regione.

Come si fa a trovare gli I.C.O. in cui partecipare? Non esiste una ricetta per rimanere aperti delle ultime I.C.O.. La cosa migliore che un investitore interessato può fare è leggere su nuovi progetti online. Le I.C.O. generano una notevole quantità di hype e ci sono numerosi posti online in cui gli investitori si riuniscono per discutere nuove opportunità. Le comunità online come Reddit offrono questo tipo di conversazioni. Inoltre, ci sono siti dedicati che aggregano gli I.C.O. per gli investitori. Siti come I.C.O. Watchlist , ad esempio, consentono agli investitori non solo di scoprire nuove I.C.O. che potrebbero non conoscere, ma anche di confrontare le diverse offerte l’una contro l’altra.

Rischi e critiche delle ICO

Anche se ci sono transazioni ICO di successo , sono pronti a essere strumenti innovativi dirompenti nell’era digitale, gli investitori sono avvertiti di diffidare poiché alcune campagne ICO o di crowdsale sono effettivamente fraudolente. Poiché questi operatori di raccolta fondi non sono regolamentati da autorità finanziarie come la SEC, i fondi persi a causa di iniziative fraudolente potrebbero non essere mai recuperati.

La rapida ondata di ICO nel 2017 ha subito i regolamenti di una serie di governi e non governativi. All’inizio di settembre 2017, la Banca popolare cinese ha bandito ufficialmente le ICO, citandolo come dirompente per la stabilità economica e finanziaria. La banca centrale ha detto che i token non possono essere utilizzati come valuta sul mercato e le banche non possono offrire servizi relativi alle ICO. Di conseguenza, sia Bitcoin che Ethereum sono crollati, ed è stato visto come un segno che stanno arrivando le regole sulle criptovalute. Il divieto penalizza anche le offerte già completate. All’inizio del 2018, Facebook, Twitter e Google hanno bandito tutti gli annunci ICO.

Per essere sicuro di non essere truffato quando investi in un ICO., segui questi passaggi:

1) Assicurati che gli sviluppatori di progetti possano definire chiaramente quali sono i loro obiettivi. Le I.C.O. di successo hanno in genere white paper semplici e comprensibili con obiettivi chiari e concisi.
2) Conosci i suoi sviluppatori. Gli investitori dovrebbero aspettarsi il 100% di trasparenza da un’azienda che lancia un I.C.O.. Ciò significa che dovresti sapere chi è coinvolto nel progetto, quali sono i loro piani aziendali, dove si trovano, qual è la tempistica per il progetto e così via.
3) Cerca i termini e le condizioni legali stabiliti per l’I.C.O.. Poiché le autorità di regolamentazione esterne generalmente non sorvegliano questo spazio, spetta a te come investitore garantire che qualsiasi I.C.O. che acquisti sia legittimo.
4) Assicurati che i fondi siano conservati in un portafoglio di deposito a garanzia. Questo è un portafoglio che richiede più chiavi per poter accedere. Questa è una protezione utile contro le truffe, in particolare quando una terza parte neutrale è titolare di una delle chiavi.

Non c’è modo di garantire che non si sarà sul punto di perdere una truffa quando si investe in un ICO (per ulteriori informazioni, vedere: Come identificare criptovaluta e truffe ICO ). Questo è un rischio che devi essere disposto a prendere. D’altra parte, anche le Ico possono offrire incredibili ricompense. La chiave per gli investitori è prendere le precauzioni necessarie per evitare di prendere decisioni irrazionali o non istruite e per imparare il più possibile sul mondo ICO al fine di sfruttare al meglio il suo eccellente potenziale.

Mi farebbe piacere se tu lasciassi un commento!